17 Novembre 2018

Vesomni: associazione di Tamsulosina e Solifenacina per la terapia dei sintomi urinari dell’Iperplasia Prostatica Benigna (IPB)

IPB iperplasia prostatica

L’iperplasia prostatica benigna ("IPB") – definita impropriamente anche ipertrofia prostatica o adenoma della prostata – rappresenta una patologia molto frequente caratterizzata dal progressivo incremento delle dimensioni della ghiandola prostatica. Si tratta di una malattia evolutiva a comportamento benigno (non è né una neoplasia né un tumore maligno) che insorge tipicamente nelle persone adulte e negli anziani. Non ha particolari e identificate cause scatenanti: i fattori di rischio più importanti sono l’età e la familiarità.

I sintomi più frequenti nei soggetti con IPB sono rappresentati dai disturbi minzionali (sintomi disurici o delle basse vie urinarie, “LUTS” in inglese: lower urinary tract symptoms). Questi disturbi della minzione vengono tipicamente distinti in due categorie:

  1. Sintomi urinari ostruttivi: sono causati direttamente dall’ingrandimento della prostata che determina compressione e ostruzione delle vie urinarie (il collo vescicale e l’uretra in particolare). Tipici sintomi urinari ostruttivi sono il getto urinario rallentato, l’attesa minzionale, la minzione in più tempi e la sensazione di mancato svuotamento vescicale (“tenesmo”).
  2. Sintomi urinari irritativi: sono legati prevalentemente ad alterazioni della vescica che avvengono come conseguenza dell’IPB. Comuni sintomi urinari irritativi sono la necessità di urinare spesso durante la giornata (“pollachiuria”), la necessità di alzarsi durante la notte per urinare (“nicturia”), l’urgenza minzionale fino a quadri di incontinenza urinaria da urgenza.

Vesomni è un farmaco costituito dall’associazione di due molecole differenti (tamsulosina e solifenacina) proposto per la terapia sia dei sintomi urinari ostruttivi sia per quelli irritativi in pazienti con IPB.

Farmaci attualmente disponibili per la terapia dell’IPB:

In commercio si trovano moltissimi preparati farmaceutici utilizzabili per la terapia dell’IPB. In base al loro meccanismo d'azione si possono distinguere:

Farmaci per l'IPB

Efficacia di Vesomni:

Efficacia di vesomni

Vesomni si è dimostrato notevolmente efficace nell'alleviare in contemporanea i sintomi ostruttivi dell’IPB (grazie in particolare alla tamsulosina) e quelli irritativi (grazie alla presenza della solifenacina). L’azione è veloce e apprezzabile già dopo pochi giorni dall’inizio della terapia. Dato che in generale i farmaci alfa-litici hanno un’efficacia terapeutica superiore agli anti-muscarinici, l’azione favorevole di Vesomni sui sintomi ostruttivi è più marcata rispetto a quella sui sintomi irritativi.

Non essendo presente al suo interno alcun principio attivo in grado di inibire l’enzima 5-alfa-reduttasi, Vesomni non ha alcuna capacità di ridurre il volume prostatico e non è quindi in grado di bloccare la progressione clinica dell’IPB. La sua azione è potente ma focalizzata esclusivamente sui sintomi urinari: in caso di sospensione della terapia con Vesomni, anche se questa è stata continuata per un lungo periodo, il paziente si ritroverebbe nella stessa situazione di partenza.

Effetti collaterali e controindicazioni:

Essendo Vesomni formato dall’associazione di un alfa-litico con un anti-muscarinico, gli effetti collaterali sono esattamente la somma di quelli tipici per queste due categorie farmacologiche. In generale possiamo dire che gli alfa-litici sono farmaci solitamente ben tollerati, con effetti collaterali rari e poco importanti; gli anti-muscarinici sono invece responsabili di effetti indesiderati più frequenti (e fastidiosi): la loro prescrizione richiede pertanto qualche cautela in più.

Vesomni e attività sessuale. Può causare deficit erettile?

Vesomni non determina impotenza (deficit erettile). Va al contrario considerato un modesto facilitatore dell’erezione. Questo perché la tamsulosina ha una certa azione vaso-dilatatoria e può quindi favorire l’afflusso di sangue al pene durante l’erezione. Per quanto riguarda l’eiaculazione, abbiamo già sottolineato come questo farmaco possa causare una riduzione della quantità di liquido seminale e della fertilità.

Indicazioni: in quali pazienti risulta particolarmente adatto Vesomni?

L’utilizzo tipico dell’associazione tra alfa-litico e anti-muscarinico avviene nel paziente affetto da IPB con caratteristiche simili a quelle elencate di seguito:

IPB: Scelta terapeutica

In ogni paziente con IPB la scelta della terapia medica più appropriata dipende essenzialmente dal volume della prostata e dall’intensità e tipo dei disturbi:

Il prezzo: quanto costa Vesomni?

Tra i farmaci disponibili per la terapia dell’IPB solo gli inibitori della 5-alfa-reduttasi e gli alfa-litici sono in fascia A e quindi rimborsabili dal Sistema Sanitario Nazionale. Vesomni (al pari degli anti-muscarinici) si trova in fascia C ed è quindi a carico del paziente. Il prezzo per una confezione da 30 compresse si aggira sui 50 euro.

Approfondimenti:

Alcuni dei farmaci nominati in questa pagina stati oggetto di articoli dedicati. Potete trovare tuttle le informazioni seguendo i link qui riportati:

miniatura
25/08/2019► Leggi
Omnic (tamsulosina), Xatral (alfuzosina), Urorec (silodosina) e gli altri farmaci alfa-litici nella terapia dell’IPB: Quale è più efficace? Quale ha meno effetti collaterali?
miniatura
29/05/2018► Leggi
I farmaci naturali a base di Serenoa Repens nella terapia delle patologie prostatiche: sono efficaci? comportano effetti collaterali?
miniatura
10/06/2015► Leggi
Una Nuova Terapia per la Vescica Iperattiva: Mirabegron (Betmiga).
miniatura
22/06/2017► Leggi
Novità nella terapia dell'IPB: l'associazione di Avodart e Tamsulosina in un unico farmaco, il Combodart.

Sostieni questo sito web!

In questo sito trovi una serie di articoli informativi di argomento urologico e andrologico. Sono tutti articoli originali diffusi in modo completamente gratuito. Se le informazioni che hai ricevuto si sono rivelate in qualche modo utili, puoi contribuire in modo concreto a sostenere l'esistenza di questo sito. Hai 2 possibilità per farlo:

  1. Consulta l'archivio completo (lo trovi qui) e leggi altri articoli di tuo interesse.
  2. Condividi l'articolo appena letto; fallo conoscere a persone potenzialmente interessate all'argomento. Qui sotto trovi una serie di pulsanti per la condivisione: puoi usare Facebook, Twitter, WhatsApp o Linkedin. E' inoltre presente un pulsante per stampare l'articolo.